Cripta Madonna della Coelimanna

SAC-B-054

Mi trovo su uno dei versanti della Serra di Supersano, oggi all’interno del cimitero comunale.
Come altre chiese rupestri, sono stata scavata nella roccia calcarea del Salento e, nel corso dei secoli, le nude pareti sono state affrescate con dipinti murali...

Mi trovo su uno dei versanti della Serra di Supersano, oggi all’interno del cimitero comunale.
Come altre chiese rupestri, sono stata scavata nella roccia calcarea del Salento e, nel corso dei secoli, le nude pareti sono state affrescate con dipinti murali.
Il ciclo pittorico più antico che custodisco è stato realizzato tra la fine dell’XI secolo e i primi decenni del secolo successivo. Si tratta del dittico composto da immagini di santi a figura intera a destra dell’ingresso: il primo è Andrea apostolo mentre nel secondo è stato riconosciuto Michele il Sincello, un santo monaco il cui culto è piuttosto raro. Di fronte all’entrata, due pilastri e una arcata dividono il bema, la parte sacra dove è sistemato l’altare, dall’aula dove si disponevano i fedeli. Sul pilastro destro è visibile una più tarda figura di santo diacono, san Lorenzo o Stefano, con indosso una preziosa veste liturgica. Probabilmente durante il XIV secolo furono realizzati gli affreschi che impreziosiscono la parte sinistra dell’invaso: il Cristo in trono, san Giovanni evangelista, la grande icona di san Nicola e san Giovanni Battista. Le immagini della Vergine Maria con il Bambino sono invece ancora più tarde, probabilmente cinquecentesche, e testimoniano l’ininterrotto culto per la Vergine fino ai nostri giorni. La parte settentrionale presenta interessanti pitture, di gusto un po’ naif, probabilmente realizzate attorni alla fine del Seicento o nei primi decenni del Settecento. Un elegante altare barocco rende questa parte dell’invaso quasi una parte autonoma ed in comunicazione con il sottostante santuario.

Latitudine 40° 1'14.26"N
Longitudine 18°13'47.30"E

Scopri le

Risorse correlate

Il Mubo – Museo del Bosco – è ospitato all’interno del Castello Manfredi, un edificio storico di origine medievale sito nell’abitato di Supersano. Il Museo, aperto al pubblico nel 2011, nasce per raccontare la storia millenaria di un ecosistema in gran parte scomparso: il Bosco di Belvedere...

L’area archeologica di località Scorpo è uno dei siti di età altomedievale più interessanti indagati in Italia meridionale negli ultimi anni. L’insediamento è stato scoperto nel 1999 a seguito di uno sterro abusivo, che ha intaccato profondamente una parte delle strutture del sito...

Antichi percorsi costituiti da tratturi esistenti lungo la Serra del "Mucurone", nei pressi della strada provinciale Supersano - Casarano, rappresentano un unicum; posti nelle immediate vicinanze della Cripta e del Santuario della Beata Vergine Coelimanna, permettono la visita e la sosta...