Parco agrario e apiario “Antonio e Adriana Rini”

SAC-B-040

Tra questi alberi usava rilassarsi l’Ingegnere Antonio Rini, fratello del dottore Gaetano, eclettico proprietario del settecentesco palazzo che si trova di fronte alla cappella della Madonna del Carmine, lungo l’omonima strada...

Tra questi alberi usava rilassarsi l’Ingegnere Antonio Rini, fratello del dottore Gaetano, eclettico proprietario del settecentesco palazzo che si trova di fronte alla cappella della Madonna del Carmine, lungo l’omonima strada.
Sponganese di origini, ma trasferito a Bari per motivi di lavoro, l’Ingegnere non abbandonò mai la sua forte passione per l’apicoltura. Gli apiari di pietra costituiscono infatti una peculiarità architettonica salentina a partire almeno dal XVI secolo, con le arnie spesso disseminate nei campi e, come in questo caso, poste sotto la protezione di alcuni alberi.
Quasi sempre esse sono rappresentate da parallelepipedi in pietra locale, di circa 75 centimetri per 25, cavi all’interno per tutta la loro lunghezza, chiusi alle basi con lastre tagliate su misura e sigillati con calce e cenere o semplicemente terra bagnata, chiusi in superficie con lastre analoghe ma removibili all’occorrenza.
Oggi sono di proprietà del Comune e ospito attività culturali.

Scopri le

Risorse correlate

Sono il polmone verde di Spongano, una distesa di ulivi secolari sulla serra che da Spongano scivola verso Castiglione d’Otranto.Si racconta che proprio qui trovarono rifugio i profughi provenienti da Vaste o da Castro che fondarono poi la cittadina di Spongano...

Mi chiamo “Mammanu”, dal soprannome della famiglia a cui appartenevo, in dialetto leccese, rimanda al mestiere dell’ostetrica, la mammana.Il nome della strada in cui mi trovo, via Borgo Orto Preti, rimanda, in antico, a proprietà del capitolo parrocchiale...

Oltre ad ospitare l’orologio, in passato ero anche la sede in cui si discuteva degli affari pubblici, la Municipalità di Spongano, come testimonia un'antica iscrizione.La mia edificazione risale alla seconda metà del Settecento...

L'approvvigionamento idrico è sempre avvenuto attraverso i pozzi, che attingevano dalle falde acquifere naturali, formatesi in corrispondenza di strati impermeabili. L'acqua meteorica intacca lentamente la roccia calcarea, sia in superficie, sia infiltrandosi nel reticolo, fino a dar luogo...

I menhir, monoliti verticali di altezza variabile, generalmente non superiore ai 5 metri, chiamati anche “pietrefitte”, si suppone avessero uno scopo religioso o fossero legati a riti della fertilità. Essi, insieme ai dolmen, strutture composte da più blocchi di pietra...