Torre della "Madonna della Serra"

SAC-B-017

Negli itinerari pugliesi medievali importante era il pellegrinaggio verso il Santuario di Leuca. Dopo aver superato il territorio di Supersano, i viandanti si ritrovavano a sostare sul punto più alto del circondario, la Madonna della Serra di Ruffano..

Negli itinerari pugliesi medievali importante era il pellegrinaggio verso il Santuario di Leuca. Dopo aver superato il territorio di Supersano, i viandanti si ritrovavano a sostare sul punto più alto del circondario, la Madonna della Serra di Ruffano, una terrazza panoramica a 170 metri sul livello del mare. Da qui mi affaccio, intitolata alla Vergine comunemente detta Madonna del Latte, rappresentando una delle tappe fondamentali verso il “cammino di Leuca” e accogliendo il visitatore al mio interno con un gioco di luci e ombre.
Alle mie spalle, in posizione più elevata, si trova una torre d’avvistamento risalente al XVI secolo, munita di caditoia in corrispondenza dell’unico accesso. Il sito era stato utilizzato come postazione di controllo di tutta l’ampia estensione della valle ai piedi dell’altura. Essa, di proprietà del Comune di Ruffano, nel 2008 è stata recuperata e adibita a Centro visita e Museo naturalistico.
Da qui si può percorrere il tratto ancora integro della via dei pellegrini, una stradina ripida e sterrata che percorre tutto il costone della collina sino a giungere al piazzale antistante al Cimitero di Ruffano.

Latitudine 40° 0'6.66"N
Longitudine 18°14'5.82"E

Scopri le

Risorse correlate

Durante il medioevo era solito incontrare lungo i miei sentieri viandanti e pellegrini, intenti a raggiungere il Santuario di Santa Maria de Finibus Terrae; al sicuro da predoni e ladruncoli...

Le ombre delle mie annose querce danno frescura e permettono una prolungata sosta immersi nei suoni e nei colori della natura. Si è sulla Serra di Ruffano, in località Occhiazzi, una contrada incantevole dominata da secolari ulivi e numerose pajare e rifugi rurali...

Costruito nel 1621, rappresento la semplicità e la bellezza del vivere francescano”. Alla mia edificazione contribuì il barone Francesco Filomarino, feudatario di Ruffano dal 1607 al 1626...

Nei pressi del cimitero di Ruffano si snoda un percorso di tratturi e sentieri che, risalendo la collina e, procedendo sulla sommità, giungono ad un balcone panoramico aggettante sulla vallata, ricoperta dalla macchia argentea degli ulivi. Siamo alla chiesetta della Madonna della Serra...

Mi trovo sull’altura della Serra di Casarano, in località Manfio nel territorio di Ruffano. Lo sguardo si perde sull’ampia linea dell’orizzonte, dove l’atmosfera limpida fa riconoscere il mare di Gallipoli e le marine di Ugento. Di me stupisce un particolare...

Il Castello (residenza baronale), situato nel punto più alto del paese, venne edificato dai Brancaccio nel 1626. Privo di apparato di difesa, presenta le caratteristiche architettoniche di un grande palazzo baronale, dimora signorile...