Museo Archeologico di Vaste – Palazzo Baronale

SAC-B-001

Il Palazzo Baronale in Piazza Dante, una residenza edificata e rimaneggiata in più fasi tra il XIV ed il XVIII secolo e ospita il Museo Archeologico. Accoglie il visitatore con una gigantografia che rappresenta la cinta muraria di IV-III sec. a.C. della città messapica di Vaste...

Il Palazzo Baronale in Piazza Dante, una residenza edificata e rimaneggiata in più fasi tra il XIV ed il XVIII secolo e ospita il Museo Archeologico. Accoglie il visitatore con una gigantografia che rappresenta la cinta muraria di IV-III sec. a.C. della città messapica di Vaste, mentre a sinistra si possono ammirare due vasi provenienti dalla necropoli dell’abitato del IV sec. a.C.: un cratere a figure rosse del Pittore di Vaste e una trozzella. Di fronte all’ingresso si apre la prima sala, allestita con la ricostruzione in legno a grandezza naturale di una parte dell’Ipogeo delle Cariatidi. Da qui, si accede a una sorta di camera sepolcrale in cui sono allestite due tombe rinvenute nel corso degli scavi condotti nel 1985 dall’Università di Lecce: la “Tomba del Cavaliere” (ca. 430 a.C.) e la “Tomba dell’Atleta” (inizi IV sec. a.C.). La sala successiva è dedicata all’esposizione dei cippi monolitici in pietra leccese di età arcaica, con l’esatta ricostruzione del contesto riportato alla luce nel Fondo Melliche. L’esposizione archeologica continua al piano superiore.

Latitudine 40° 2'50.22"N
Longitudine 18°23'13.82"E

Scopri le

Risorse correlate

Con il portale si è cercato di attuare la ricucitura tra la città antica e quella moderna, di cogliere l’occasione per celebrare la centralità del dato archeologico nelle dinamiche di sviluppo urbanistico del territorio ed anche di segnare metaforicamente, nella forma e nella composizione...

Il parco è stato istituito nel 2002, in seguito all’acquisizione da parte del Comune di Poggiardo di alcune decine di ettari di terreno su cui si estendeva l’antico insediamento di Vaste, Βαῦστα in greco, Basta in latino...

L’obliterazione dell’originario sito di «S. Maria de la Grotta» avvenne per volontà del vescovo di Castro, Giorgio Rosa, tra il 1521 e il 1530, per motivi o circostanze a noi ignote. Bisognerà attendere il 1929 per la definitiva ri-scoperta della cripta di Santa Maria degli Angeli...

La chiesa presenta un impianto basilicale a tre navate divise da grossi pilastri quadrangolari, con tre absidi, mentre le pareti laterali sono scandite da nicchie irregolari poco profonde...

L’arboreto didattico è un’area naturalistico-ambientale istituita all’interno del Sistema Museale di Vaste e Poggiardo. E’ ubicata sulle pendici della Serra di Poggiardo, lungo la vicinale Ss. Stefani, a breve distanza dalla omonima chiesa rupestre e dal complesso archeologico paleocristiano...

Sono una piccola oasi naturale di tre ettari lungo la vecchia strada che collega Poggiardo a Surano. Alcuni decenni fa sono passata dalla famiglia Marulli all’Amministrazione Comunale; per lungo tempo sono stata meta soprattutto di tanti ragazzi desiderosi di giocare...

La mia storia si incrocia con una vecchia cava di bauxite, minerale da cui si estrae il ferro; dopo che l’attività estrattiva è terminata, lasciando sul suolo un colore rosso accecante, i miei terreni sono stati convertiti in pineta contribuendo a creare un paesaggio quasi irreale...