Chiesa di "Santa Maria de Itri"

SAC-B-052

Come uno scrigno nascondo un tesoro, la vera e propria perla del centro storico di Nociglia.
Lo stile della mia facciata si conforma al gusto ottocentesco che aveva ispirato il Barone Filippo Bacile di Castiglione nella costruzione della chiesa Matrice di San Nicola, iniziata nel 1869...

Come uno scrigno nascondo un tesoro, la vera e propria perla del centro storico di Nociglia.
Lo stile della mia facciata si conforma al gusto ottocentesco che aveva ispirato il Barone Filippo Bacile di Castiglione nella costruzione della chiesa Matrice di San Nicola, iniziata nel 1869.
Proprio su quel modello, infatti, sono stata edificata nel 1921 su progetto del geometra Ripa di Specchia. Il portale di ingresso è caratterizzato da un timpano, al di sopra del quale si innesta un’elegante bifora sormontata da un arco a tutto sesto. L’interno è ad aula unica, con copertura a volta e un unico altare in pietra leccese, quello maggiore, inserito nell’emiciclo absidale. Il catino ospita un piccolo rosone.
La dedica alla Madonna dell’Itri trasmette una lontana discendenza dalla Odigitria bizantina, la più celebre icona di Costantinopoli, il cui culto si diffuse soprattutto in Italia meridionale e in Puglia, in relazione alla caduta della città in mano turca nel 1453, la successiva presa turco-ottomana di Otranto del 1480 e la battaglia di Lepanto del 1571. Il termine greco Odegitria (colei che mostra il cammino) si riferisce al sistema di luoghi di culto sorti lungo le vie che conducevano all'antica meta di pellegrinaggio di Terra d'Otranto: il santuario di Santa Maria de finibus terrae.
Testimone dell’antica venerazione è la piccola chiesa medievale, contitolata a San Nicola di Myra, antico patrono di Nociglia, che si disvela attraversando un cancelletto posto alle spalle dell’altare.
Anch’essa ad aula unica, a pianta rettangolare con il soffitto a capriate lignee. All’interno, in posizione avanzata rispetto alla parete absidale, è presente l'altare maggiore, in stile barocco coronato da tre statue policrome, quella raffigurante la Madonna Immacolata posta al centro mentre sui lati sono quelle di Sant'Irene, sulla cui attribuzione non vi è accordo, e S. Marina. Sul pavimento si apre una botola che introduce ad una piccola cavità nella roccia, contenente un ossario.

Latitudine 40° 2'21.45"N
Longitudine 18°19'33.02"E

Scopri le

Risorse correlate

Come spesso è accaduto anche per altri palazzi nobiliari, sono il risultato di varie stratificazioni edilizie che hanno risentito delle vicende feudali che hanno interessato il territorio di Nociglia.La mia natura di “palazzo nobiliare” nasce da un ampliamento della struttura fortificata...