Calvario

SAC-B-062

Mi trovo lungo la strada principale di Montesano, che mette in comunicazione la chiesa matrice con l'antico santuario di San Donato. La mia struttura rimanda all’abside di un'ipotetica chiesa all’aperto. Venni realizzato da Silvano Lecci, capomastro montesanese, esempio dell’abilità di un’antica...

Mi trovo lungo la strada principale di Montesano, che mette in comunicazione la chiesa matrice con l'antico santuario di San Donato. La mia struttura rimanda all’abside di un'ipotetica chiesa all’aperto. Venni realizzato da Silvano Lecci, capomastro montesanese, esempio dell’abilità di un’antica famiglia di costruttori. La committenza fu dell’arciprete don Isidoro Manna e del facoltoso Donato Bitonti, i quali vennero supportati con entusiasmo dai cittadini del paese. Giuseppe Bottazzi di Diso, incaricato delle decorazioni, seguì un linguaggio figurativo ricorrente nei calvari. Raffigurò infatti scene della passione di Cristo, con immagini fortemente comunicative, capaci di conciliare realismo e simbolismo, in modo tale da suscitare l'intensità emozionale tipica dei riti della settimana santa.

Latitudine 39°58'40.30"N
Longitudine 18°19'19.55"E

Scopri le

Risorse correlate

Piazza IV novembre, sulla quale mi affaccio, connette in un unico asse viario via San Donato e via Sant'Angelo, collegate all'attuale strada Maglie - Santa Maria di Leuca ed all'antico percorso dei pellegrini che si recavano al santuario mariano...

Anticamente i vigneti ricoprivano quasi completamente le campagne di Montesano, simbolo di una società contadina e di un’economia un tempo fiorente ormai rimaste marginali.Nel piccolo centro, infatti, ci si riferisce con nostalgia ai tempi “de la vigna a menzu ‘a chiazza”...