Palmento e vano del torchio

SAC-B-061

Anticamente i vigneti ricoprivano quasi completamente le campagne di Montesano, simbolo di una società contadina e di un’economia un tempo fiorente ormai rimaste marginali.
Nel piccolo centro, infatti, ci si riferisce con nostalgia ai tempi “de la vigna a menzu ‘a chiazza”...

Anticamente i vigneti ricoprivano quasi completamente le campagne di Montesano, simbolo di una società contadina e di un’economia un tempo fiorente ormai rimaste marginali.
Nel piccolo centro, infatti, ci si riferisce con nostalgia ai tempi “de la vigna a menzu ‘a chiazza” (la vigna in mezzo alla piazza) come ad un tempo passato, il cui ricordo è annebbiato anche nella memoria della gente più anziana.
Sono di proprietà pubblica dal2005, grazie all’Amministrazione Comunale che ha avviato anche una radicale ristrutturazione del locale, preservando così un importantissimo esempio di archeologia proto-industriale del territorio.
In passato appartenevo alla famiglia Bitonti (l’arco in pietra che si attraversa provenendo da piazza IV novembre è parte della struttura del palazzo nobiliare adiacente)
Utilizzato fino agli anni sessanta, tra le mie vasche venivano pigiate le uve provenienti dalle proprietà della famiglia, anche se all’occorrenza potevo essere anche utilizzato dai contadini della zona.

Latitudine 39°58'29.01"N
Longitudine 18°19'25.36"E

Scopri le

Risorse correlate

Piazza IV novembre, sulla quale mi affaccio, connette in un unico asse viario via San Donato e via Sant'Angelo, collegate all'attuale strada Maglie - Santa Maria di Leuca ed all'antico percorso dei pellegrini che si recavano al santuario mariano...

Mi trovo lungo la strada principale di Montesano, che mette in comunicazione la chiesa matrice con l'antico santuario di San Donato. La mia struttura rimanda all’abside di un'ipotetica chiesa all’aperto. Venni realizzato da Silvano Lecci, capomastro montesanese, esempio dell’abilità di un’antica...