Chiesa di "San Solomo"

SAC-B-058

Dopo anni di abbandono, ormai ridotta ad un rudere, agli inizi del XXI secolo sono stata sottoposta a estesi e radicali lavori di restauro. Non si conosce con esattezza la data ed i motivi della mia fondazione, tuttavia, ero già esistente nella seconda metà del XV secolo, intitolata a San Solomo...

Dopo anni di abbandono, ormai ridotta ad un rudere, agli inizi del XXI secolo sono stata sottoposta a estesi e radicali lavori di restauro. Non si conosce con esattezza la data ed i motivi della mia fondazione, tuttavia, ero già esistente nella seconda metà del XV secolo, intitolata a San Solomo, figura religiosa a tutt'oggi misteriosa e sconosciuta.
Il suo culto era ben radicato a Botrugno, come testimonia l’utilizzo del nome Solomo spesso attribuito ai nuovi nascituri della comunità.
La committenza della costruzione potrebbe essere stata laica, visto che a partire dalla fine del XV ero di proprietà dei Maramonte, antica e potente famiglia nobiliare, feudataria di Botrugno dal XIII al XVII secolo.
Si trova mia menzione nella visita pastorale del 1522 e in quella del 1608, dove vi è indizio di due due altari al mio interno, quello maggiore dedicato alla S. Virginis Mariae e l'altro a Sancti Solomi. Dalla visita pastorale del 1608 emerge, inoltre, come San Solomo fosse festeggiato tre volte nel corso dell'anno: il 20 maggio, il 21 giugno ed il 18 novembre.
Il suo culto sarebbe connesso con le vicende dei Maramonte, in particolare di Sveva Maramonte che, in diverse testimonianze pittoriche del Salento si rappresentò come devota al Santo.

Latitudine 40° 4'17.03"N
Longitudine 18°19'51.43"E

Scopri le

Risorse correlate

La mia storia ha seguito le vicende feudali del casale di Botrugno. I Maramonte, tra le più potenti famiglie di Terra d'Otranto, acquisirono il possesso del feudo di Botrugno nel XIII secolo e lo detennero sino alla metà del XVII, legandosi ad altre famiglie nobiliari...

Sono allestito nelle sale degli ex magazzini del Palazzo Marchesale, databili tra il 1200 e il 1300. In questa antica dimora storica, ricca di arte con le sue stanze dipinte e i suoi mosaici, sono nato per stimolare la conoscenza della storia delle forze armate d’Italia...