Palazzo marchesale

SAC-B-057

La mia storia ha seguito le vicende feudali del casale di Botrugno.
I Maramonte, tra le più potenti famiglie di Terra d'Otranto, acquisirono il possesso del feudo di Botrugno nel XIII secolo e lo detennero sino alla metà del XVII, legandosi ad altre famiglie nobiliari...

La mia storia ha seguito le vicende feudali del casale di Botrugno.
I Maramonte, tra le più potenti famiglie di Terra d'Otranto, acquisirono il possesso del feudo di Botrugno nel XIII secolo e lo detennero sino alla metà del XVII, legandosi ad altre famiglie nobiliari, con le quali si imparentarono stringendo rapporti di successione attraverso matrimoni e vendite feudali.
Alla famiglia, infatti, subentrarono i Castriota che, nella seconda metà del XVII secolo, acquistarono il feudo “con suo castello seu fortellezza” con il titolo di marchesato.
Essi rimasero i signori di Botrugno fino agli inizi del XIX secolo, quando le leggi napoleoniche posero giuridicamente fine al feudalesimo, che continuò comunque ad esistere nei fatti, per lungo tempo, intessuto al territorio come unica forma di struttura amministrativa e sociale.
I Guarini, infatti, che subentrarono ai Castriota, mantennero il controllo sul paese in modo analogo a quello dei feudatari, gestendo le proprietà terriere, che rappresentavano l'unica fonte di lavoro per la comunità locale. Ignazio Guarini e la moglie Teresa Lubelli furono gli ultimi rappresentanti del potere feudale nel comune, nonché i miei ultimi proprietari privati.
Mi trovo in piazza Indipendenza che, fino al XIX secolo, era occupata da “largo del monastero”, così denominato per la presenza del convento dei frati Francescani, non più esistente nella sua forma originaria.
Inizialmente avevo la forma di una fortezza con funzione difensiva, gradualmente convertita in residenza nobiliare.
Nel XVIII secolo fui sottoposto a rilevanti lavori di ampliamento e modifiche. Fu realizzato il balcone con balaustra decorata che corre lungo il terrazzo e la decorazione interna con dipinti murali.

Latitudine 40°03'52.70"N
Longitudine 18°19'30.93”E

Scopri le

Risorse correlate

Dopo anni di abbandono, ormai ridotta ad un rudere, agli inizi del XXI secolo sono stata sottoposta a estesi e radicali lavori di restauro. Non si conosce con esattezza la data ed i motivi della mia fondazione, tuttavia, ero già esistente nella seconda metà del XV secolo, intitolata a San Solomo...

Sono allestito nelle sale degli ex magazzini del Palazzo Marchesale, databili tra il 1200 e il 1300. In questa antica dimora storica, ricca di arte con le sue stanze dipinte e i suoi mosaici, sono nato per stimolare la conoscenza della storia delle forze armate d’Italia...