Ipogei

Per decenni sono stato nascosto dal manto stradale che ha permesso di preservare ciò che per secoli ha trasformato uno dei prodotti più importanti delle nostre terre , le olive, in liquido fluido, setoso e prezioso: l'olio...

Sono uno degli esemplari più suggestivi e meglio conservati di questa tipologia di frantoi, testimonianza di una Specchia sotterranea, di un’ economia basata sull’ olio, di una terra generosa, il Salento, che ha sempre chiesto in cambio della sua generosità grandi sacrifici...

Il mio ingresso si apre allo stesso livello del piano di calpestio esterno. Dopo un primo ampio ambiente con volta a botte, si accede all’ipogeo attraverso una stretta scalinata. All’interno sono visibili resti della macina, i torchi alla genovese con le vasche di raccolta dell’olio e le...

Il mio ingresso si apre allo stesso livello del piano stradale. Un’ampia scalinata coperta da un soffitto con la tipica volta a botte conduce all’ipogeo dove sono ben visibili tre torchi alla calabrese e numerosi ambienti adibiti a deposito per le olive e ad aree per il riposo dei trappitari.

Nel XIX secolo, Cosimo De Giorgi viaggiando nella Provincia di Lecce annotò la mia presenza nei suoi “Bozzetti di Viaggio” segnalando di me anche “l'ammodernamento subito nei secoli”. Giacomo Arditi mi riteneva invece una “grancìa” del Convento dei Carmelitani...

L'approvvigionamento idrico è sempre avvenuto attraverso i pozzi, che attingevano dalle falde acquifere naturali, formatesi in corrispondenza di strati impermeabili. L'acqua meteorica intacca lentamente la roccia calcarea, sia in superficie, sia infiltrandosi nel reticolo, fino a dar luogo...

In una calda estate, nel 1955, mentre venivano eseguiti dei normali lavori di riadattamento in Vico Bianco, ne approfittai per fare la mia comparsa al pubblico moderno, riuscendo a far parlare di me già nell’aprile del 1957, dichiarata dagli studiosi fra le più interessanti cripte basiliane...

Come altri luoghi di culto ipogei presenti sul territorio salentino, anche la mia struttura si inserisce nel complesso sistema di abitazioni rupestri che rientra nell'ampio contesto degli insediamenti rurali medievali.Pochi passi mi separano da piazza Cito...

Mi trovo su uno dei versanti della Serra di Supersano, oggi all’interno del cimitero comunale. Come altre chiese rupestri, sono stata scavata nella roccia calcarea del Salento e, nel corso dei secoli, le nude pareti sono state affrescate con dipinti murali...

1 - 9 di 9